martedì 14 dicembre 2010

I venduti e gli oppressi

Inarrestabile “stream of consciousness” momentaneo.

Guerriglia urbana dopo la fiducia”.

Inutile narrare i fatti di cronaca odierna, ben più che conosciuti da una nazione intera o, meglio, da un mondo intero, in mondovisione, in diretta internazionale. Sulla fiducia approvata al governo, seppur con stretta misura (314 a 311 alla Camera, neanche fosse una partita di basket di 24 ore per beneficenza), personalmente ero già convinto. Me l'aspettavo, non posso dire di no. Quello che non mi aspettavo, però, era il vedere una compravendita di esseri umani senza precedenti nella storia, a momenti nemmeno in epoca medievale.

Devastate Via del Corso e Piazza del Popolo. Black Bloc scatenati, blindati in fiamme, 40 feriti”.

Mentre scrivo, mantengo un occhio sulla diretta che il sito del Corriere della Sera sta trasmettendo ininterrottamente già da qualche ora. Le scene che vedo sono quelle del panico più assoluto. Se ho paura di quello che sta succedendo? In strada ho maturato le mie riflessioni. In aula assolutamente no. Ripeto: me lo aspettavo. Ed in effetti era il minimo che potesse accadere dopo tutti gli scempi compiuti da sedici anni a questa parte, non solo in epoca recente. Ad ogni modo, sarà forse il caso di constatare che, fuori le mura sante, qualcuno si è svegliato? Forse qualcuno ne ha piene le scatole? Forse qualcosa davvero si è mosso di vita propria tra i neuroni denaturati dei nostri cervelli. Black Bloc o non black bloc, il discorso è un altro. Il discorso è ben più serio. Molto più serio. Accidenti se è più serio.

L'ultimo bluff del cavaliere e il Movimento di compravendita nazionale”. “Dal PD e da Idv i voti che hanno salvato Berlusconi”. Ah pure! Non solo alcuni grandi signori dell'Italia dei Valori si prostituiscono al miglior offerente: che è e resterà in eterno Berlusconi e famiglia, ovviamente, il quale non avrà chiuso occhio per un mese intero (tra zoccole e intrallazzi vari, in più) prima di decidere di spendere chissà quale cifra esorbitante al fine di operare una vera e propria campagna acquisti per vincere il campionato della vergogna, l'ennesimo. Non me la prenderei nemmeno tanto con lui, perchè è risaputo lo stile del diretto interessato, così come il suo approcciarsi ad una realtà in puro richiamo Paperon de Paperoni. Ma signori miei, per amor di Dio o di chi per lui nell'alto dei cieli: volete avere la premiata pazienza di spiegarmi chi cazzo sono queste onorevoli Maria Grazia Siliquini e Catia Polidori?! Ignoranza mia? Chiedo venia. Ma spiegatemi chi cazzo sono, per pietà e compassione verso un povero idiota come me!

La Polidori, titolare del Cepu [già qui andiamo proprio bene, direi di lusso] ha ottenuto da Berlusconi rassicurazioni che la favoriscono”.

Sul serio: parlatemene perchè io non le ho mai sentite nominare in vita mia neanche per sbaglio. So soltanto che, osservando le foto, almeno quest'ultima nominata mi dà più o meno l'idea di una Malena postdatata. Di mio sarò sicuramente ignorante, ma qualcuno me ne parli, per cortesia. Se non altro, ormai, entrambe hanno il loro warholiano quarto d'ora (quarto d'ira, direi) di celebrità planetaria. Marco Travaglio, salvaci tu. E sei pure a Roma, oggi.

Cortei, sit-in, blocchi e tafferugli. E in Centro i commercianti hanno hanno abbassato le serrande. Tensioni per le proteste nel giorno del voto, un ragazzo ferito al volto. In piazza Venezia e a Botteghe Oscure c'è stato lancio di fumogeni e petardi contro i mezzi blindati delle forze dell'ordine fermi all'ingresso di via degli Astalli, strada che porta davanti palazzo Grazioli. Alcuni manifestanti, che hanno indossato caschi, anche bastoni e sampietrini verso le forze dell'ordine”.

E non fraintendetemi se vi confesso che, in un certo senso, aspettavo anche questa particolare entità di reazione. Certo. Perchè sono più che fermamente convinto, oramai, che il nostro popolo, la nostra gente, non può davvero più di essere preso per il culo. Perchè di questo si tratta: prendere spudoratamente, sfacciatamente, costantemente, vigliaccamente e fottutamente per il culo. E senza neanche nascondere troppo l'evidenza, anzi negandola senza mezzi termini. Sembra di vivere in Quarto Potere, boia ladro. Orson Welles profeta? Forse lo era di più Orwell. Perchè quello che vedo è la perfetta e minuziosa descrizione per immagini reali di quanto risulta scritto in quelle santificabili pagine. Il solo ripensare a questa mia affermazione mi fa sputare via gli occhi dalle orbite. È ovvio: 2 + 2 = 5 per i nostri governanti. O almeno questo è quello che vorrebbero inoculare nell'attuale generazione (la mia). 2 + 2 = 5 era anche un grande brano dei Radiohead che, tra le altre cose, diceva:

Sei un tale sognatore

da voler mettere a posto il mondo?

Io resterò per sempre a casa,

dove due più due fa sempre cinque.

Giacerò lungo linee già tracciate.

Mi mimetizzerò”

Penso alle parole del mio saggio zio Camillo dopo avergli comunicato il mio trenta all'esame di Cinematografia Documentaria: “Studia per conto tuo e armati di saggezza da solo, perché nessuno ti darà più niente. Ti vogliono a modo loro. Quindi non essere a modo loro”.

Da piazza del Campidoglio, a via del Plebiscito a Botteghe Oscure, a corso Vittorio momenti ad alta tensione con prove di blitz anche contro le forze dell'ordine. Dal corteo a più riprese si sono staccati gruppetti di ragazzi col volto coperto da sciarpe e cappuccio nero stile black bloc che hanno lanciato bottiglie e petardi contro i blindati della Guardia di Finanza ma gli stessi studenti hanno cercato di bloccarli. Assaltate anche vetrine di negozi e banche”.

Dovrei dire “Finalmente!”? Dovrei dire “Era ora!”. No, non so se me la sento. Magari inconsciamente lo penso anche, chissà. E allora con quelli che sono venuti ancora alle mani tra le mura sante come la mettiamo? Ma francamente non ne voglio sapere niente. Sono stanco, ecco tutto. Sono martoriato da un morale ben più che sotto le scarpe. Sono esausto al solo pensiero di dover condurre una vita potenzialmente insensata e priva di sbocchi, una vita all'insegna dell'incertezza, delle difficoltà e delle derisioni collettive. Per poi vedermi anche prendere per il culo così platealmente. “Ci pisciano addosso e ci dicono che piove”? A questo punto direi proprio di si. Ma soltanto ora ci siamo accorti che il liquido che incombeva su di noi aveva una colorazione strana, ben diversa dal fenomeno naturale.

La gente (io) non ce la fa (faccio) proprio più. Sembra alquanto evidente. Mi sbaglierò ma è precisamente quello che sento. Perchè se anche un popolo di addormentati e creduloni come noi si risveglia, a tratti (l'ultimo così potente lo ricordo solo in quel di Genova), di tanto in tanto, con il sangue agli occhi e una spranga virtuale con su scritto “dignità” ci sarà pure un motivo.

Magari mi sbaglio.

Sogni d'oro.

2 commenti:

  1. Questo è il agonia dell'Unione Europea. Che cosa dice la Bibbia? "Al tempo fissato [il re del nord = Russia] tornerà". (Daniele 11:29a) Significa anche il disgregazione dell'Unione europea e della NATO.
    Ewiak Ryszard

    RispondiElimina
  2. Personalmente ci vedo la disgregazione dell'essere umano in sè.

    RispondiElimina