mercoledì 6 aprile 2011

La verità sul nucleare. Sosteniamo Gianni Lannes

Nella giornata di ieri, Andrea Cusati, un diligentissimo ragazzo detentore di un blog che, personalmente, reputo tra i più importanti dell'intera rete, http://iosonoincazzatonero.blogspot.com/ , ha inserito su Youtube, Facebook e altri canali utili, oltre il suo stesso blog ovviamente, il video che potete vedere al termine di queste righe.

Il video, di estremo impatto relativamente ad una sana e decisiva presa di coscienza non solo sul discorso nucleare ma anche e soprattutto su una serie di governi che hanno fatto dell'Italia un paese giocattolo, è accompagnato da questo messaggio inserito nella descrizione:


"Sono certo che questo video sparirà presto dalla rete ma il coraggio e l'impegno del giornalista Gianni Lannes vanno premiati. L'unico modo per premiarlo è fare girare questo video il più possibile e non lasciarlo solo.

Gianni Lannes è stato a Caorso, nella più importante centrale nucleare e qui ha scoperto entrando di nascosto, senza autorizzazione, che il governo Berlusconi ha affidato lo smantellamento delle centrali nucleari alla 'ndrangheta, che sta dietro una società che si chiama Ecoge che ha sede a Genova. Questa società carica i rifiuti nucleari in dei container che da Caorso vanno a Genova e poi a La Spezia, in attesa di navi su cui caricarli che verranno affondate. "La Stampa", per cui Lannes lavora, gli ha impedito di pubblicare l'inchiesta e nessun altro giornale l'ha voluta pubblicare da "La Repubblica" a "L'Espresso" (i grandi paladini del popolo). Questo video amatoriale è una bomba a orologeria. Aiutiamo e sosteniamo Gianni Lannes che ha un coraggio da leone affermando ciò che dice con prove tangibili e documentate. DIFFONDIAMO IL PIU' POSSIBILE, NON RIMANIAMO INSENSIBILI FACCIAMOLO PER I NOSTRI FIGLI !!! Facciamolo cliccando su "mi piace", su "condividi".e chi può lo scarichi e lo diffonda o lo carichi a sua volta su youtube e simili... così non potranno censurarli tutti."


Gianni Lannes è un giornalista e fotografo investigativo freelance italiano. Ha svolto inchieste tra le più importanti sul territorio italiano in ambito di controinformazione relativamente a traffico d'armi, di esseri umani, di rifiuti tossici, scorie radioattive ed ecomafie. È stato direttore di un quotidiano on line, Italiaterranostra.it, prontamente oscurato perché troppo invadente, è ovvio. Ha subito continue minacce ed attentati da parte della mafia. Sotto scorta dal 2009, lavora per La Stampa in qualità di “congelato” (questa è bella), nel senso che, si, fa parte della redazione ma viene pagato per non lavorare. Motivo? Aveva svolto un'inchiesta che vedeva il magnifico onorevolissimo Renato Schifani implicato in appalti mafiosi. Da questi, Lannes fu invitato ad “andare in vacanza”. Ovviamente, questo fattore è legato con il “congelamento” del giornalista presso La Stampa.


Ringrazio di cuore Andrea e inserisco questo video perché mi sento in assoluto dovere, in qualità di cittadino italiano ancora legato, nonostante tutto, a questa terra, di informare i miei simili, quei pochi che riescono ad arrivare a questo debolissimo blog. Qualora vogliate o vi sentiate in dovere anche voi, siete pregati di diffondere.


Grazie.

video

Nessun commento:

Posta un commento